[Recensione di Adriana Giannini]

IL DESTINO DI AGHAVNI’

di Antonia Arslan

   [Immagine copertina del libro il destino di Aghavnì]

Non pensavo di ritrovarmi a commentare una storia “natalizia” perché, nei limiti del possibile, tendo a non lasciarmi catturare dal clima delle feste in arrivo. Tuttavia mi è capitato tra le mani l’ultimo libro pubblicato da Antonia Arslan, Il destino di Aghavnì, e devo dire che mi ha molto colpito.

Già apprezzata docente di lettura italiana all’Università di Padova, traduttrice e saggista, Antonia Arslan, padre armeno e madre italiana, a un certo punto della sua vita ha sentito l’urgenza di non far cadere nell’oblio la tragedia del genocidio degli Armeni compiuto dai turchi nel 1915 e mai ammesso dai vari governi che da allora si sono succeduti.

In Italia se ne sapeva poco anche se già nel 1935 lo scrittore praghese Franz Werzel con il suo intenso romanzo I 40 giorni del Mussa Dagh aveva fatto conoscere al mondo la tragedia del popolo armeno. In Italia il libro di Werzel era stato tradotto per la prima volta da Mondadori nel 1955 ed io ne lessi la ristampa (in edizione economica) nel 1963.

Della tragedia che aveva coinvolto parte della sua famiglia era stato soprattutto il nonno, rifugiatosi tempestivamente in Italia, a parlare a una Antonia Arslan ancora bambina, ma fu solo nel 2004 che uscì il suo primo romanzo che trattava di questo doloroso argomento.

[tratto dal film "la masseria delle allodole"]

     [tratto dal film “la masseria delle allodole”]

Si trattava di La Masseria delle allodole, un libro che ebbe subito grandi riconoscimenti da parte della critica e del pubblico italiano e straniero e divenne anche un film realizzato dai fratelli Taviani.

A quest’opera fecero seguito altri romanzi sullo stesso tema tra cui La strada di Smirne nel 2009, Il libro di Mush nel 2012 e Il rumore delle perle di legno nel 2015.

Ora, quasi a voler trovare un barlume di luce nell’immensità della tragedia armena, Antonia Arslan pubblica questo lungo racconto che è la storia verosimile, anche se non vera di Aghavnì, una sorella di suo nonno, misteriosamente scomparsa con il marito e due figli piccoli senza lasciare traccia poco tempo prima che il governo turco desse il via al genocidio.

Le famiglie dei due sposi erano ricche e ben introdotte nella cittadina dell’Anatolia in cui vivevano, ma le loro affannose ricerche non ottennero alcun risultato. Poi toccò a loro cercare di salvarsi e il destino della famigliola rimase avvolto nel mistero. Si sussurrò di un rapimento da parte di un potente capo che viveva con la sua tribù sui monti e da una vecchia fotografia e da questo indizio venuti fuori 100 anni dopo ha preso spunto Antonia Arslan per immaginare che cosa sarebbe potuto accadere a questa sua prozia e alla sua famiglia.

Non voglio anticipare nulla di quanto è raccontato in questo, secondo me, prezioso libretto che si legge tutto d’un fiato. C’è tutta la forza, la fede e l’amore per la vita e per i figli delle coraggiose donne armene così ben rappresentate da Aghavnì. Se Natale è comprensione, perdono e speranza qui li trovate tutti.

Il destino di Aghavnì di Antonia Arslan , Edizioni Ares, Milano 2022, pp. 120, euro 15.