[Fotografie e testo di Debora Ughetti]

UNA DOMENICA A SPASSO SUL LAGO, ANZI…DENTRO IL LAGO

  

Il lago, quello artificiale della diga dell’Iren di Ceresole, che ha una capacità di 35 milioni di metri cubi d’acqua, quasi 2 km quadrati, un invaso per l’energia pulita del Piemonte. Un pezzo di storia e di economia, integrato nell’ambiente.

Oggi irriconoscibile.

   

  Oggi paesaggio lunare.

I ghiacciai soffrono tantissimo, le fioriture degli alberi, della flora alpina, gli animali, soffrono tutti.

A soffrire quest’anno è anche l’economia del parco, aggrappata alle sole cascate di ghiaccio artificiali.

  

Nasciamo nell’acqua, da_bambini giochiamo nell’acqua, l’acqua è al centro della vita. Oggi più che mai, dopo mesi di siccità, tropicalizzazione degli eventi atmosferici, fusione dei ghiacciai. Abbiamo la necessità, sempre più pressante, di ricostruire un legame con ciò che ci circonda, per capire i segnali che la natura ci manda e agire di conseguenza.

   

Ai RACCONTI FOTOGRAFICI